Dieta plank: tutto quello che c’è da sapere

Da qualche tempo sono in molti ad utilizzare la Dieta Plank come regime alimentare per provare a dimagrire efficacemente, basta leggere le numerose testimonianze sull’efficacia della dieta plank. In particolare, si tratta di un tipo di alimentazione che si basa su una serie di alimenti proteici.

Questo tipo di dieta riduce notevolmente l’apporto di alcune sostanze nutrienti come zuccheri e grassi andando però ad aumentare la quantità di proteine che vengono assunte. Inoltre questo tipo di dieta non prevede alcun abbinamento con l’attività fisica e né tanto meno dosaggi precisi dei vari cibi. Si tratta di una dieta che prevede quindi un aumento del consumo di alimenti contenenti proteine e che, generalmente, viene eseguita per 1-2 settimane. All’inizio della dieta, ad esempio, a colazione è previsto il consumo di caffé senza zucchero assieme a del pane, mentre a pranzo uova, spinaci o anche una bistecca di carne. Per quanto riguarda la cena la dieta Plank, alternandosi correttamente con i vari giorni, può prevedere prosciutto cotto, bistecche, uova o spinaci in base a ciò che è stato consumato al pranzo.

La Dieta Plank si caratterizza per non essere particolarmente varia ma può portare ad una notevole perdita di peso senza dover necessariamente abbinare dell’esercizio fisico. Un ottimo consiglio che gli esperti danno a chi segue questo regime alimentare è quello di aumentare il consumo di acqua. Questo perché bevendo molto si ha la possibilità di mantenere sempre una corretta funzionalità renale tenendo lontani problemi e pericoli.
Stando ad alcune fonti reperibili anche sul web, grazie alla Dieta Plank si possono perdere fino a 9 chili in 14 giorni e questo peso può essere mantenuto per almeno 3 anni senza fare particolari sforzi. Non presenta particolari controindicazioni ma vale la pena sottolineare come un aumentato consumo di cibi proteici possa essere alla base di alcuni scompensi nell’organismo come ipoglicemia, chetoacidosi e anche disidratazione. Questo vuol dire che durante o dopo aver seguito la dieta è sempre bene sottoporsi a controlli periodici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *